Condividi
  • Facebook
  • Twitter
12/3/2017

Tre città gioiello per scoprire "il buon secolo della pittura senese"

Tra Montepulciano, San Quirico d'Orcia e Pienza si snoda un itinerario espositivo costruito a partire da opere già esistenti in loco che ripercorre la grande stagione artistica compresa tra i primi del Cinquecento e la seconda metà del Seicento


Montepulciano | San Quirico d’Orcia | Pienza

Si parte con “Domenico Beccafumi, l’artista da giovane” presso il Museo Civico Pinacoteca Crociani a Montepulciano: prendendo spunto dal ritrovamento di un’opera dell’attività giovanile di Beccafumi, la Sant'Agnese Segni del Museo Civico, la sezione si occupa di illustrare la personalità artistica del giovane Beccafumi, ospitando un nutrito numero di sue opere assieme ai lavori del Sodoma, di Girolamo Genga, Fra’ Bartolomeo, Andrea del Brescianino, Girolamo di Giovanni del Pacchia e Lorenzo di Mariano detto il Marrina, protagonisti dell’ambiente artistico senese nel primo decennio del Cinqucento.

Domenico Beccafumi, Madonna col Bambino e San Giovannino, olio su tavola, 72x58cm; Firenze, collezione privata
Domenico Beccafumi, Madonna col Bambino e San Giovannino, olio su tavola, 72x58cm; Firenze, collezione privata

torna all'inizio del contenuto